18 marzo 2011

Terremoto del Belìce

Nella notte tra il 14 e il 15 gennaio 1968, un violento terremoto del grado 6,4 della scala Ricther, colpì le nostre zone con epicentro nella Valle del Belìce. Tra i 14 comuni interessati i più colpiti furono Gibellina, Salaparuta, Poggioreale e Montevago. Le vittime furono 370, un migliaio i feriti e circa 70.000 i senzatetto. Mazara fu colpita marginalmente.


Il vescovo mons. Giuseppe Mancuso (1963/77) accompagnato da don Giovan Battista Mangogna e don Paolo Milazzo tra i terremotati. A destra il sindaco di Mazara Nicolò Vella


A destra il direttore didattico originario di Partanna Vitale Incalcaterra




Il vescovo visita la tendopoli. Lo accompagnano don Pietro Accardi, don Vito Renda e il fotografo Francesco Boscarino


Durante i funerali dell vittime del sisma


Nelle prime file si notano i politici mazaresi. Il sindaco Nicolò Vella, il presidente della Provincia Saro Ballatore, l'ass.re Berbardo Frazzetta, il notaio Francesco Giubilato




1968 - Cattedrale di Mazara
Matrimonio di una giovane coppia di sfollati di Gibellina
Edvige Ripa, Pino Catalano, Luigi Tumbarello, Nicola Noce, Piero La Grutta, Vito Bonafede, Enzo Tumbiolo (dietro), Franco Romano, Francesca Sardo, Giuseppe Zambuto, Vito Ballatore, Giorgio Foraci, Ezio Bertuglia, Giovanni D'Alfio, Francesca Petruccelli (dietro)
I giovani con la fascia bianca sul braccio sinistro sono "Volontari" del Centro di coordinamento Pro Terremotati

I meno giovani come me hanno vissuto sulla propria pelle il  Terremoto del Belice, violento evento sismico, di magnitudo momento 6,1 che nella notte tra il 14 e il 15 gennaio 1968 colpì una vasta area della Sicilia occidentale compresa tra la Provincia di Agrigento, quella di Trapani e quella di PalermoDato che la maggior parte dei comuni colpiti più duramente faceva parte del comprensorio comunemente definito Valle del Belìce o  per definirlo si ricorse a tale termine. Mazara accolse molti terremotati in tendopoli e locali adibiti (scuole, uffici pubblici). Un mazarese, il notaio Francesco Tumbiolo,  esercitante a Pisa, volle dare un contributo alle popolazioni colpite e organizzò un gruppo di volontari che condusse personalmente nella nostra città. Erano giovani psicologi, assistenti sociali, studenti in Medicina che diedero un apporto umano e professionale non indifferente in quei tristi giorni. A loro va il nostro imperituro ringraziamento.


1968 - Un gruppo di terremotati attorno al fuoco


Villa Jolanda
Vito Ballatore, Francesco Tumbiolo (col basco) i una rappresentanza del folto gruppo di pisani


Serata ricreativa alla Colomba Bianca per tenere su il morale ai disagiati

Angela Rizzo, Salvatore Garziano, Francesco Tumbiolo, Cesare vaccaro, Nicola Marino, Enzo Gagliano, Pina Rizzo, Valenti, Vito Ballatore, Valenti, Vanni Fiocca, Nicola Noce


Gibellina - Nozze ?
Umberto Fabrizi (a sin)
L'appuntato Umberto Fabrizi, ospitò alcuni terremotati nella sua abitazione. Questa coppia era stata tra gli ospiti e al loro matrimonio vollero che lui partecipasse e lo scelsero come testimone per lo sposo.



1968 - California - (San Diego) - "Comitato pro terremotati di Sicilia"
I siciliani di tutto il mondo furono partecipi del dolore e alcuni raccolsero fondi per aiutare le popolazioni in difficoltà

Santo Giametta, Vito Ferrantello, Vincenzo Fiore, Nenè Vitale, Vincenzo Bruno, Gaspare Sciuto, dott. Frank Gigliotti (premiato per l'opera da lui svolta a favore dei sinistrati), Leonardo Ingrande, Girolamo Ingrande

Video Servizio


Alcune istantanee scattate all'epoca
18/01/1968 - Motevago



















Nessun commento: