03 luglio 2007

US Mazara anni Settanta

Campionato di Promozione 1970/71 "Girone A"
Il campionato è strutturato in vari gironi all'italiana su base regionale, gestiti dai Comitati Regionali di competenza. Promozioni alla categoria superiore e retrocessioni in quella inferiore non erano sempre omogenee; erano quantificate all'inizio del campionato dal Comitato Regionale secondo le direttive stabilite dalla Lega Nazionale Dilettanti, ma flessibili, in relazione al numero delle società retrocesse dal Campionato Interregionale e perciò, a seconda delle varie situazioni regionali, la fine del campionato poteva avere degli spareggi sia di promozione che di retrocessione.


Dirigenza Zambito
Gino Raffin (mister), Andrea Zambito (dirigente accompagnatore), Mario Cajazzo, Filippo Zerillo (segretario), Rino Lombardino, Vito Aiello (cassiere), Leonardo Pinta, Pino Bruno (allenatore settore giovanile)

1970-71 - Vinto sul Campo (43 punti) ma...  venne retrocesso per illecito sportivo 
Mister Gino Raffin, Nino Cerrito, Nino Chirco, Remo Casali, Luciano Quinci, Cariello, Saro Librizzi, Bruno Pernice, Emanuele Basile, ?, Alfonso Fortunato, Vincenzo Affatigato, Pino Colicchia, ?, Emilio Bini, Roberto Anzalone, massaggiatore 


... un post partita concitato
Emilio Bini, mister Gino Raffin, Luciano Quinci, Nino Cerrito


1970 - Mazara-Campobello

Il portiere Marcello Giardina e lo stopper Matteo Giacalone



Bruno Pernice, Nino Cerrito, Pino Colicchia, Emilio Bini, Luciano Quinci (capitano), Emanuele Basile

Cariello, Pierino Ferrara, Luciano Quinci, Saro Librizzi, Vincenzo Affatigato, Bruno Pernice, Emanuele Basile, Nino Cerrito, Alfonso Fortunato, Santino Giacalone, Corsinovi, Pino Colicchia, Totò Valenziano, Nino Chirco, Bartolo Merrina


Altra posa della medesima foto

Pierino Ferrara, Saro Librizzi, Nino Cerrito, Bruno Pernice, Luciano Quinci, il presidente Franco Zambito, mister Antolini, Vincenzo Affatigato, Bartolo Merrina, Rosario Signorello, Pino Colicchia, Franco Corrente, Emanuele Basile, Alfonso Fortunato, Pino Bruno, Santino Giacalone, Nino Chirco, la mascotte Zambito junior, Cariello, Luciano Corsinovi, Totò Valenziano, Nino Cuttone, Cangialosi

Pino Bruno, Santino Giacalone, Rino Lombardino, Luciano Quinci, Filippo Inzerillo, Franco Zambito (presidente), mister Antolini, Bartolo Merrina, Vincenzo Affatigato, Franco Corrente, Rosario Signorello, Nino Cuttone, Emanuele Basile, Salvatore Cristaldi, Nino Cerrito, Dino Librizzi, In basso: geometra Signorello, Tino Maniscalco ('u trapanisi), Bruno Pernice, Pierino Ferrara, Nino Chirco, Cariello, Luciano Corsinovi, Totò Valenziano, Pino Colicchia, Cangialosi, Alfonso Fortunato


Tino Maniscalco, Luciano Corsinovi, 

Vincenzo Affatigato, Totò Valenziano, Bartolo Merrina, Nino Cerrito, Franco Corrente, Emanuele Basile (47), Luciano Quinci, Nino Chirco, Santino Giacalone, Luciano Corsinovi, Pino Colicchia, ?, Bruno  Pernice
Una formazione del 1970

Curva Nord piena di portoghesi
Luciano Quinci, Totò Valenziano, Emilio Bini




Luciano Quinci, Emilio Bini, Riccardo Anzardi (mascotte)


Remo Casali, Emilio Bini, Luciano Quinci, Bazan ?,  Simone Giacalone. Francesco Maniscalco



L'immancabile contestazione del dopo partita del mitico dirigente accompagnatore
Andrea Zambito (zio del presidente) ed acceso tifoso


Premiazione del capitano
Salvatore Cristaldi (direttore tecnico), Luciano Quinci, Franco Zambito (presidente)

Bordo Campo (lato Mercato Ortofrutticolo)
Vincenzo Di Liberti (fotografo), Nino Dado,Tino Maniscalco. 
Alle spalle s'intravede il presidente Franco Zambito (col tipico colbacco)

Trasferta con tifosi
Aldo Cerrito, Rosario Signorello, Rino Zambito, Andrea Zambito (dirigente accompagnatore), Emilio Patrì (dirigente), Saro Librizzi, Antonio Manciapane (custode), Pierino Ferrara, Franco Corrente, Bartolo Merrina, Alfonso Fortunato (massaggiatore), ?, ?, ?, mister Renato Antolini , Nino Chirco, Salvatore Cristaldi (direttore sportivo), Salvatore Valenziano, Pino Colicchia, ?, Vincenzo Affatigato, Nino Cuttone, Giacomino Martino (settebello), ?, Pino Bruno, Bruno Pernice, Santino Giacalone (mannarà)
Gruppo di tifosi in trasferta
Riconosco: Giovanni Papa, Caterina Billardello, Francesca Papa, Nino Ferro, Paola Mistretta e Stefania, Vito Papa, Michele Pinta, Liliana Pianta, Nunzio Norrito, Di Liberti

primo piano

1971 - Partita Castellammare Mazara (2 a 3)
Vito Crocchiolo, Baldo Mirabile, Franco Dilluvio, Nino Giacalone, Franco Chirco (Salemi), Nino Tumbiolo (tracina), Mimmo Giubilato, Orazio Ingargiola (munacheddu), Ettore Saffiotti, Vito Vassallo, Carlo Barbera, Enzo Giardina, Saro Dicidomini, Salvatore Rizzo, Simone Fiducioso, Salvatore Gullo, Nicola Basone, Giuseppe Basone, Bono Nicola, Baldo Giacalone, Ignazio Li Vigni, Gaspare Bruno

1971 - Festeggiamenti - Mazara al settimo cielo
La foto è tratta dal "Giornale di Sicilia" del 24 maggio 1971

Pesciolino Rosso (spiazzale vicino la chiesa di San Vito exta moenia)
Altro gruppo di tifosi festanti, dopo la partita di CastellammareCiccio Asaro (jo jo), Dino Venezia (Dinu lu rossu) Nino Tumbiolo (tracina), Franco Dilluvio, Salvatore Cristaldi, Nino Vinci (Cei), Romano, Michele Gancitano (sciacqua lattuchi) Dino Librizzi, Battista Asaro (canali), Andrea Asaro (Sormani)
... locale prefabbricato gestito dalla famiglia Lanza
In alto:Battista Asaro (canali), Andrea Asaro (Sormani), ?, Turuzzu Pugliese, Angelo Randazzo, Rino Zambito, Luciano Corsinovi, mister Antolini, Antonio Mangiapane, Pino Russo, Alfonso Fortunato, Marcello Giardina, Nino Tumbiolo (tracina), Nino Ferro, Santino Giacalone (Mannarà), Giovanni Adamo (tappezziere), Piero Cracchiolo, Armando Giardina, Turiddru ?, Colicchia, Nino Vinci (Cei), Il piccolo figlio del presidente Franco Zambito, Nino Cuttone, Pino Lodato, Santino Maggio, Pierino Ferrara

Aurelio Tedesco, Pino Seidita, Pietro Ingargiola, Matteo Giacalone

Serie D - 1971/72 (foto orribile tratta da giornale)
Alfonso Fortunato (massaggiatore), Saro Librizzi, Rumignani, Bruno Spalaore, Remo Casali, Emanuele Basile, Santino Giacalone, Emilio Bini, Matteo Giacalone
Una delle tante formazioni



Seie D 1971/72 - Mazara - Marsala (0-0) - Quattomila spettatori


Mazara: Basile, Librizzi, Valenziano, Firicano, Quinci, Paladino, Alario, Parrino, Giacalone Santino, Catalano, Casali. In panchina Capra e Chirco, Allenatore Raffin

Marsala: Bolzan, Codognato,Fina, Gresta, Possamai, Palermo, Peronace

Serie D - 1971/72 - U.S. Mazara  S.C. Leonzio

Mazara: Luciano Quinci, Totò Valenziano

1971/72 Mazara Trapani - 0 1 - rete di Ascatigno in zona Cesarini
Totò Valenziano, la mascotte Riccardo Anzardi, Remo Casali, Vincenzo Affatigato, i due Capitani Luciano Quinci e Ferdinando Ascatigno, Luigino Turcato, Filippo Calamusa. La grande beffa: a fine campionato il Trapani promosso in Serie C e il Mazara retrocesso (per differenza reti) assieme a Nissa e Floridia 

episodio della partita


il mazarese Filippo Calamusa difende la porta del Trapani dall'attacco di Remo Casali, il portiere è Raimondo Mauro



Stadio Provinciale - Entello - Mazara 1 a 2 - 05/11/72

Il presidente è il dott. Calcedonio Di Giovanni, imprenditore edile palermitano, che in quell'epoca
opera nella nostra città. Una delle sue tante realizzazioni fu il villaggio turistico di Kartibubbo Segretario Pietro Messina Mister Nardi (Venezia 1939-1985),
Baldo Gargano (55), Francesco Maniscalco (53), Bruno Spalaore (41), Simone Giacalone (51), Remo Casali (46), Sante Amabile (43), Luciano Quinci (44), Salvatore, Cristaldi (D.S.), Giuseppe Silva (49), Pasquale Umile (46), Marcello Giardina (53), Totò Valenziano (46), Pino Colicchia, Gioacchino Marino
Promozione - 1972-73 - Mazara - Nissa
Salvatore Romagnosi (esordiente), Bruno Nardi, Mimmo Di Giovanni (dirigente), Sante Amabile, 
Giovanni Bucchieri

Campionato di Promozione "Girone A" 1973/74 - Terza classificata con 34 punti
Calcedonio Di Giovanni (presidente), Remo Casali (Trapani 46), Sante Amabili (San Benedetto del Tronto 43), Pasquale Umile (Marsala 46), Giuseppe Agate (Marsala 42), Luciano Quinci (Mazara 44), Bruno Spalaore (Mestre 41), mister Bruno Nardi (Venezia 39-85), Alfonso Fortunato, Francesco Maniscalco (Trapani 53), Totò Valenziano (Cefalù 46), Simone Giacalone (Marsala 51), Gaetano Adamo (Alcamo 52), Santino Giacalone (Mazara 49)







Presidente Paolo Giacalone, allenatore Carlo Ceserato, 
Castellammare - Mazara (0 a 1)
Baldo Gargano (55), Pietro Ruisi (55), Gianfranco Murador (48), Aldo Fina, Pasquale Umile (46), Giuseppe Puma, Totò Romagnosi (52), Simone Giacalone (Marsala 51), Santino Giacalone (49), Saverio Masci (49), Pino Prestia
Mazara Empedoclina
 Pino Prestia, Santino Giacalone

Mazara Canicattì
Pace, De Maria e Pino Prestia

Campionato di Promozione
Giuseppe Catalano (medico sociale), Guido Salvo (52), Baldassare Gargano (55), Giuseppe Ruggeri, Pasquale Umile (46), Giuseppe Puma, Eugenio Romero (52), Pietro Ruisi, Salvatore Romagnosi, Aldo Fina, Francesco Maniscalco, Saverio Masci (49), Simone Giacalone, Santino Giacalone, Alfonso Fortunato (massaggiatore)
1974/75
Filippo Calderone, Gianfranco Murador, Giuseppe Ruggiano, Pasquale Umile, Eugenio Romero, Simone Giacalone, Alfonso Fortunato, Francesco Maniscalco, Aldo Fina, Santino Giacalone, Giuseppe Puma, Totò Valenziano, Saverio Masci


Annata importante, spazzate vie le deludenti gestioni commissariali, un manipolo di imprenditori locali capitanato da Paolo Giacalone (imprenditore del settore della pesca), costituiscono una solida e corposa dirigenza, affiancata dai tifosi e sostenuta da un rinnovato entusiasmo degli sportivi, addirittura il segretario è un prete (don Vito Renda), L'obiettivo è la promozione in serie D con un programma che si articola in tre anni. La campagna acquisti è impegnativa, specie sul piano economico. Come allenatore viene scelto il veneto Carlo Cesarato (di Mestre), come secondo gli collabora una bandiera del calcio mazarese, Luciano Quinci. A fine campionato il Mazara è terzo dietro ad Alcamo e Canicattì. La tifoseria resta delusa perché sperava in un risultato vincente immediato, che non tarderà ad arrivare l'anno successivo

CAMPIONATO DI PROMOZIONE 1975/76 
Si qualificano al primo posto con 45 punti U.S. Mazara e A.S. Canicatti
Dirigenti: Paolo Giacalone (presidente), Gaetano Clementi (v. presidente), Antonino Cuttone (v. presidente), don Vito Renda (segretario), Luigi Vaccara (cassiere)
Spareggio Finale alla Favorita: Mazara Canicattì 1 - 0
Paolo Giacalone (presidente), Baldo Gargano (55), Salvatore Gentile (53), Walter Macellari (47), Giuseppe Ruggiano (52), Salvatore Maggio (46), Giuseppe Fontana (51), Guido Salvo (52), mister Carlo Cesarato, Salvino Giaramitelli (infermiere), Santino Giacalone (49), Cosimo Messina (45), Bartolo Azzaro (46), Gianfranco Murador (48), Gaetano Di Stefano (50), Matteo Giacalone (55), Aldo Fina (53)
Spettatori 12.000, di cui 8.000 mazaresi



Raduno per la partenza dei tifosi al Lungomare "Giuseppe Mazzini"


6 Giugno 1976 - Stadio della Favorita. C'erano tutti uomini, donne, bambini, madri e suocere.
Nella foto alcuni dei numerosi tifosi accorsi in massa da Mazara del Vallo per sostenere i propri beniamini. Io quell'anno sono in Tribuna (medico sociale è Tonino Salvo che a fine campionato si dimetterà ed io lo sostituirò)


Ernesto Abbagnato, Saro Certosa, Carlo Barbera, Pino Catalano, Nando Villani




I nostri avversari
Presidente: Roberto Ragona, Tecnici: Angelo Busetta e Paolo Russo, Civilletti (massaggiatore)
Formazione scesa in campo: Costantino, Contadino, Posante, Schirru, Aglianò, Festa, Ferrigno, Malerba, Bonfatto, Paci, (dal 71° Barrale), De Maria. Arbitro Oreste Trillò di Milano



Gaetano Di Stefano, Gianfranco Murador, Cosimo Messina, Santino Giacalone, Arbitro Oreste Trillò di Milano, Costantino


Il gol della vittoria arriva al 78° a 12 minuti dalla fine, di una combattutissima partita, realizzata da Ginfranco Murador che con il suo potente sinistro riesce a battere un'incolpevole Costantino


... lo schema dall'album dei ricordi di Nino Corleo


... dopo il gol

Spalti gremiti, spettatori 12.000 (di cui 8.000 mazaresi)

L'autore del gol Gianfranco Murador


Stadio Favorita dopo il fischio finale
Giuseppe Ruggiano in primo piano, Salvatore Gentile dietro. Sulla sinistra col cappello il Maresciallo di P.S. Ajello che era venuto da Mazara
il ritorno in città
Tutti in piazza ad accogliere i beniamini


Carlo Cesarato portato in trionfo dai fans


Tutti in piazza Mokarta a festeggiare


Gandolfo, Peppe Fontana, Gioacchino Marino, Piero Di Giovanni, Matteo Giacalone, Pietro Ingargiola, Gennaro Quinci, Luciano Bucca, Vito Ferro

Numero Unico per la Promozione
CAMPIONATO DI PROMOZIONE 1975/76 
l Mazara di Paolo Giacalone dopo un combattuto campionato conclusosi a pari punti, quarantacinque, con il Canicattì di Ragona senior, guidato dal duo Angelo Busetta e Russo, vince lo spareggio con il punteggio di 1 a 0 allo stadio della Favorita di Palermo, rete di Gianfranco Murador al 78' e riconquista la Serie D.


Durante la stagione - 1975/76

La partita a Canicattì finita 0 a 0. Il terreno di gioco sembrava un campo di patate

1975/76 - Mazara
Giuseppe Fontana, Matteo Giacalone, Salvatore Gentile


Gianfranco Murador

Salvatore Gentile, Bartolo Azzaro 

1975 - (Foto scattata da me)
Emilio Patrì trasmette, per una emittente radiofonica locale "Radio Mazara International " le prime dirette radiofoniche. Grande successo di ascolti. La postazione era situata sul tetto degli spogliatoi. Il Mazara veleggiava nelle prime posizioni contrastato dal Canicattì il pubblico era in delirio

I successi della squadra attirano molti tifosi, ma spesso, i giovani, non dispongono di denaro, nascono così i piccoli "portoghesi" e i grandi scalatori
(foto scattate da me)




1975/76
Partita amichevole Mazara- Ribera per festeggiare la vittoria del Campionato
Terna arbitrale mazarese: arbitro Pino Delogu, collaboratori Girolamo Cristaldi e Pietro IngargiolaSantino Giacalone, Gaetano Di Stefano, Cosimo Messina, Peppe Fontana, Gianfranco Murador, Salvatore Maggio, Salvatore Gentile, Bartolo Azzaro, Giuseppe Ruggiano, Walter Macellari, Matteo Giacalone

Sugli spalti del Nino Vaccara
... dopo la vittoria

Il presidente Paolo Giacalone, con accanto il sindaco di Mazara del Vallo Filippo Frazzetta, mostra, alla delirante folla dei tifosi del Nino Vaccara, il trofeo conquistato.

In quell'anno il Mazara fece uno storico accordo con la S.C.Mazarese del presidente Mimì Rodolico, allenato da Pietro Vellutato e ambedue le società vinsero i rispettivi campionati.

1976/77 - Campionato di  D - 7° posto con 36 punti
Giuseppe Caramano (mister), Pino Catalano (medico sociale), Pino Casisa, Walter Macellari, Angelo Chirco, Roberto Anzalone, Filippo Calamusa, Giuseppe Fontana, Pino Seidita (presidente), Giovanni Buccheri, Giuseppe Reggiano, Totò Musumeci, Gianfranco Murador, Matteo Giacalone.
Di tutti gli allenatori con cui ho collaborato, rimane il migliore in senso assoluto. persona seria, rispettosa dei ruoli, lavoratore instancabile. Intransigente con le interferenze, specialmente dei dirigenti, con i quali, spesso, andava in disaccordo per difendere i diritti dei calciatori, dai quali otteneva il massimo




Ha segnato Totò Musumeci (abbracci in panchina)


Walter Macellari, Pino Casisa, Filippo Calamusa, Gianfranco Murador, Peppe Fontana, Roberto Anzalone, Totò Musumeci, Giuseppe Ruggiano, Franco Manzella, Giovanni Buccheri, Matteo Giacalone



1977/78 - Serie D (Mazara-Modica) - Presidente Antonino Cuttone
Pino Catalano (medico sociale, 46), Enzo Ingargiola (dirigente), Antonino Chirco (49), Filippo Calamusa (46), Angelo Conticelli (59), Pino Prestia (55), mister Gino Raffin , Sebastiano Anzalone (53), Giuseppe Ruggiano (52), Matteo Giacalone (55), Pino Seidita (dirigente), Giuseppe De Marco (53), Giovanni Bucchieri (52), Franco Manzella (54), Totò Musumeci (51), Gianfranco Murador (1948) 


1978/79 - 12° posto 33 punti
Nicasio Maiani (dirigente accompagnatore), mister Enzo Benedetti (Vezzano Ligure 31), Giovanni Tessarin (51), Baldo Gargano, Filippo Calamusa (46), Mormile, Walter Macellari (47), Giuseppe Fontana, Pino Catalano (medico sociale), Maiani junior, Alfonso Fortunato, Giammarinaro, Todaro, Totò Musumeci, Pino Prestia, Matteo Giacalone


Altra formazione per un'altra partita



1978 - Mazara - Alcamo
Uno dei miei tanti interventi professionali in campo, non avevamo nemmeno una barella
S'infortuna il portiere dell'Alcamo, il mazarese Damiano Ferro. Fortunatamente non è stato nulla di grave
Pino Catalano (medico sociale), Leonardo Marinaro (carabiniere), Michelangeli (P.S.), Andrea Sangiorgio ('u cavaleri, tifoso), dietro Peppe Fontana, Alfonso Fortunato (massaggiatore), Pino Prestia


Pino Catalano - Tony Colaci (giornalista)


Premiazione per aver vinto un torneo
Giovanni Modica (vigile urbano), Totò Musumeci, Tino Maniscalco, Nunzio Restivo, Fiume. Pino Russo (bombolone)

1978/79 - Mazara - Nissa 2 a 1 - Gol di Carlo Vegna su punizione

Se si riusciva a giocare su questi campi, pensate cosa avrebbero fatto questi atleti sui moderni campi (prati)

1979/80 - 8° posto 33 punti
Pino Catalano (medico sociale), Salvatore Asaro, ?, Matteo Ingrassia, Antonio Aloi (1951), Calandrino, Giuseppe Fontana, Matteo Giacalone, Alfonso Fortunato, Colombo, Pino Prestia, Nunzio Restivo, Magliocco
... un'altra formazione dello stesso anno
Piero Di Giovanni (segretario), Tonino Catalano (presidente), Tino Maniscalco ('u trapanisi), Pino Catalano (medico sociale), Antonio Aloi, Giovanni Calandrino, Antonio Catalano (presidente), Mistretta, Totò Asaro, Giuseppe Fontana, mister Pietro Vellutato, Matteo Giacalone, Alfonso Fortunato (massaggiatore), Ciccio Colombo, Totò Musumaci, Nunzio Restivo, Magliocco, Totò Vegna 

idem 
Piero di Giovanni (segretario), Pino Catalano (medico sociale), ?. Giovanni Calandrino. Filippo Calamusa, ?, Antonio Aloi. Tonino Catalano (dirigente), ?, Matteo Giacalone, Tonino Catalano (presidente), Matteo Ingrassia, Alfonso Fortunato, Nunzio Restivo, Totò Musumeci, ?, Giuseppe Fontana


Biglietto d'ingresso

Risultato 2 a 0 (con doppietta di Cannizzaro)