14 gennaio 2009

Michele Argentino 1948 - 2012

Un'altro caro amico allunga la lista di coloro che ci lasciano attoniti e sconvolti. La notizia è giunta come un fulmine a ciel sereno e ci ha trovati impreparati ad accogliere un così drammatica e crudele evenienza. Michele non è stato una persona con la quale ho avuto grandi frequentazioni sia per motivi legati al rispettivo lavoro e sia per il fatto di vivere in città diverse. Lo conoscevo da sempre, fratello della carissima Luciana, alla quale mi lega una amicia vera, sincera e profonda. Ogni volta che incontravo in città Michele, comunque, era come se non ci fossimo mai lasciati. Eravamo legati da reciproca stima e da un affetto leale, di gran lunga superiore a tante "amicizie". Quando ci lasciavamo il pensiero era sempre per lei "anche se so che non occorre - mi diceva - ti raccomando Luciana". Io annuivo e lui abbozzava il suo solito dolce ed enigmatico sorriso. 
Voglio riportare quello che è stato il Cordoglio ufficiale del Mondo Accademico:


Grave lutto per il mondo accademico. Morto Michele Argentino
Profonda commozione ha suscitato la morte improvvisa di Michele Argentino, che lunedì scorso ha avvertito un malore mentre si trovava al Dipartimento di Architettura. Stimato nell’ambiente accademico, Argentino, 64 anni, allievo di Anna Maria Fundarò, ricopriva la cattedra “Disegno industriale” presso la facoltà di Architettura. Il rettore, il Corpo accademico, gli studenti e il personale tecnico e amministrativo dell’Università di Palermo, partecipano con profondo cordoglio al dolore dei familiari. I funerali si svolgeranno domani, 28 settembre 2012, alle ore 10 a casa Professa a Palermo. Argentino dal 1978 ha ricoperto il ruolo di Assistente Ordinario presso la Cattedra di Disegno Industriale dell’Università di Palermo. Dal 1982 è divenuto professore Associato di Progettazione Ambientale. Dal 2001 professore straordinario di Disegno Industriale e dal 2004 Professore Ordinario. Con il Corso di Progettazione Ambientale ha partecipato al concorso nazionale indetto dalla Lega Ambiente Italiana, al concorso Internazionale Pari Emballage e al concorso Alcatel Telematica, ottenendo il primo premio in tutti e tre i concorsi. E' stato Direttore dell'Istituto di Disegno Industriale e Direttore del Dipartimento di Design, della Facoltà di Architettura di Palermo. Ha diretto il master di II° livello “Design per lo Sviluppo”. È stato Presidente del Corso di Laurea in Disegno Industriale e del Corso Magistrale di Disegno Industriale per l’area mediterranea. E’ stato responsabile scientifico del “Censimento del Patrimonio Tradizionale fisso del Parco delle Madonie. Responsabile della costituzione del Dipartimento di Design ha avviato un processo di potenziamento dell’attività di ricerca dirigendo una ricerca nazionale sul Sistema Design Italia in consorzio con altre università italiane ottenendo il prestigioso XIX° premio Compasso d’oro - Settore ricerca. Ha organizzato una serie di Convegni e realizzato mostre proponendo la promozione dei temi di ricerca che ne fondano lo statuto scientifico e si è proposto per gli Enti e le Aziende che operano nel Campo della Comunicazione e del prodotto come valido interlocutore istituzionale. Gli esiti delle ricerche sono confluite in diverse pubblicazioni che raccolgono contributi derivanti sia dalle ricerche dei docenti che quelle dei dottori di ricerca. Tale programma si è anche esteso ad un ampio progetto di Formazione che prevede oltre al Corso di Laurea triennale in Disegno Industriale l’attivazione della Laurea Specialistica in Design per l’area mediterranea. Ha esteso il dibattito nell’ambito nazionale e internazionale con gli inviti del Dipartimento e del Dottorato di ricerca a personalità prestigiose nel campo del disegno industriale.


**** - ***
Philippe Daverio e Riccardo Agnello ricordano Michele Argentino, stimato professore di “Disegno industriale” alla facoltà di Architettura di Palermo

Addio Michele Argentino, professore colto e poetico

di Philippe Daverio e Riccardo  Agnello 

Profondo cordoglio e commozione per la morte improvvisa di Michele Argentino, 64 anni, stimato professore di “Disegno industriale” alla facoltà di Architettura dell'Università di Palermo. Riceviamo e pubblichiamo il ricordo di un amico, Riccardo Agnello e quello di Philippe Daverio, critico d'arte e docente ordinario di "Disegno industriale" all'Università di Palermo.

Ricordo Michele studente, timido, intelligente, curioso. L'ho poi rincontrato professore, colto, gentile, ma sempre curioso. Era, Michele, un Siciliano che non riusciva a togliersi quell'aurea di isolano pigro, perso in lunghe meditazioni in riva al mare ma poi lo scoprivi diverso, quasi stacanovista, la sua strana flemma mal nascondeva travagli interiori per un futuro sempre incerto e per un presente di sogni agitati. Dolce Michele con bimbi aggrappati alle sue spalle e giovani alle sue parole. (Riccardo Agnello)

Michele Argentino, intellettuale e poetico, sognatore e progettuale, sicilianissimo nella complessa e intrigante contraddizione di questi termini. Quanti caffè abbiamo bevuto assieme, inventando scenari che ovviamente non avrebbero mai avuto alcuna opportunità di farsi concreti... Ma la speculazione mentale ha un suo valore intrinseco, in quanto è esercizio dello spirito propedeutico a scenari più degni. E in questo gioco Michele era maestro virtuoso. Il suo segreto stava nella capacità di pensare al mondo intero come ad una dimensione naturale, e di esprimere poi questo pensiero nel più stretto accento di Mazara.

Il suo cosmo non era limitato alla geografia, ma profondamente esaltato nella dimensione storica: le stratificazioni riportate attraversavano l’orizzonte della consapevolezza come frecce diagonali. Gli dobbiamo tutti segnalazioni di libri e di testi che nessuno mai avrebbe potuto immaginare lui scoprisse. Gli dobbiamo suggestioni di fantasia creativa che solo chi partecipa ad altre dimensioni del gioco della vita può stimolare. Gli dobbiamo il sorriso disincantato dell’ironia greca, l’occhio acuto del marinaio fenicio. Gli dobbiamo il calore e la franchezza dell’amicizia intelligente. (Philippe Daverio)


2008 - Una sua intervista

34 commenti:

Cipriano frazzetta ha detto...

Mi dispiace tanto!! Un´altra brava persona che é andata via!!

Franco D'Annibale ha detto...

Non posso crederci! Da piccolo, con la mamma e la sorella Luciana, abitava in un appartamento attiguo ai locali del laboratorio della panetteria di mio padre. L'ho visto crescere e qualche volta l'ho tenuto anche in braccio. Sentite condoglianze all famiglia. Luciana fatti coraggio!

Luigi tumbarello ha detto...

Non ho parole,nemmeno per esprimere la mia vicinanza alla cara Luciana.

Michele Pace ha detto...

Sincere condoglianze alla famiglia. L'ho incontrato l'ultima volta 6-7 anni fa a Palermo nella facoltà d'architettura.

Gaetano Marrone ha detto...

Oltre che amici eravamo compagni di scuola, condoglianze alla famiglia.

Gino D'Andrea ha detto...

Una tragedia...Aamico e amico degli amici! Lascia una moglie 4 figli e una sorella affranti!!!

Ferdinando Mandina ha detto...

Un grande amico all'improvviso è mancato e si resta attoniti. Ciao Michele rimarrai sempre nel cuore.

Nicolò Gunnella ha detto...

Sentite condoglianze alla Famiglia

Giacomo Ingargiola ha detto...

Anno 1959, Parrocchia Madonna del Paradiso, Fanciulli di Azione Cattolica italiana. Abbiamo vinto assieme il premio Roma... Addio Michele ti ricordero' sempre

Antonino Foraci ha detto...

... persona disponibile all'ascolto, spirito libero e buon mentore !

Francesco Bica ha detto...

Condoglianze alla famiglia Argentino

Nello Buscemi ha detto...

Mi spiace veramente... non ci frequentavamo però ci salutavamo sempre quando ci incontravamo... un pezzo di cultura Mazarese che va via... condoglianze a Luciana ed a tutta la famiglia.

Rosalba Martino ha detto...

Caro Michele, sono profondamente addolorata!

Mariella Tancredi ha detto...

Mi dispiace tantissimo.... penso a Luciana... ai familiari... mi dispiace...

Andrea Anselmi ha detto...

Un altro amico è partito non so per quali strade della "trasformazione". Sono stato male quando ho saputo della sua morte.

Nuccio Mauriello ha detto...

L'apprendere questa triste notizia, arrivata ieri pomeriggio al nostro circolo, mi ha turbato immensamente. Il mio pensiero affettuoso va alla cara Luciana che in lui riversava tutto il suo amore.

Nino Accardo ha detto...

Condoglianze Luciana....

Giacomo Anselmo ha detto...

Ciao Michele,

Vito Stella ha detto...

Mi spiace tantissimo, condoglianze alla famiglia

Vito Ballatore ha detto...

Amico di infanzia, giocavamo e ci frequentavamo ai tempi quando la via Garibaldi si chiamava "Mastranza". Sono molto addolorato, un pensiero a Luciana.

Caterina Ingrasciotta ha detto...

Le mie più sentite condoglianze a Luciana che so molto legata al fratello.

Lucrezia Del Franco ha detto...

Mi dispiace. Condoglianze alla famiglia.

Enrico Spanò ha detto...

Sentite condoglianze Luciana.

Rosaria Gancitano ha detto...

Condoglianze alla famiglia e a Luciana

Benedetto Rizzo ha detto...

Un abbraccio a Luciana !!!

Lella Dalle Donne ha detto...

Un grande Mazarese andato via troppo presto, condoglianze a tutta la citta'!

Mariantonia Pacetto ha detto...

Luciana un caloroso affettuosissimo abbraccio online, rammaricati di non poterti essere vicini di presenza ,non abbiamo potuto rimandare la partenza per la concomitanza dei biglietti nave e aereo per il successivo viaggio a breve, già fatti da tempo, sentici vicini in questi giorni di grande angoscia e dolore... tu sai quanto e come ti vogliamo bene da sempre.

Gaspare Paladino ha detto...

Cara Luciana non ho avuto il piacere di conoscere personalmente tuo fratello ma conosco il suo valore di accademico. Le mie condoglianze affettose.

Gaspare Di Giovanni ha detto...

Io e Michele non ci vedevamo da 38 anni ma era come se comunicassimo lo stesso a distanza.
Dai 18 ai 25 anni siamo stati molto vicini e, insieme a Nicola Noce, è stato il mio migliore amico.

Caro MIchele, quante centinaia di volte abbiamo fatto insieme il giro del "circuito mazarese" partendo alle 9 di sera e fermandoci solo alle sette del mattino. Ci chiedevamo ogni notte, filosofeggiando, cosa avremmo potuto fare per aiutare noi e gli altri a vivere una vita migliore. Ognuno di noi poi nel 75 prese una strada diversa e abbiamo vissuto in città lontane fra loro. Tu sei diventato un grande nel tuo campo ma sei rimasto sempre, come me, un "ragazzo" semplice ed estremamente sensibile ai problemi degli altri. Ti abbraccio con grandissimo affetto, e forse un giorno ci ritroveremo insieme, alle 3 del mattino, dentro il tuo maggiolino wolkswagen per continuare i discorsi che avevamo cominciato 38 anni fa.

Gianni Di Matteo ha detto...

Ciao Michele, amico, a volte fratello maggiore, sempre Maestro. Oggi abbiamo fatto ancora, con tantissimi altri amici, quattro passi per le vie di Palermo, in 30 anni ne abbiamo fatte parecchie di passeggiate, Vucciria, Ballarò , mai troppo distanti dal tuo rifugio di via Maqueda... mi mancheranno, mi mancherai.

Lidia Bellitti ha detto...

Carissima Luciana, ti sono affettuosamente vicina in questo momento di grande sconforto... Michele era un mio compagno di classe al Ginnasio, lo ricordo molto bene, era intelligente, vivace, gentile e simpatico... Sono molto dispiaciuta, un abbraccio!

Maria Pipitone ha detto...

Ho appreso con grande dolore la triste notizia.A te Luciana un affettuoso abbraccio.

Mario Genna ha detto...

Ciao Michele

Antonio Quinci ha detto...

Anche se in ritardo, porgo le mie piu sentite condoglianze ai familiari e alla carissima Luciana